Paneacqua

  • RSS
  • Facebook
  • Twitter

Fiennes riscrive Shakespeare

marzo - 26 - 2012

Un’anteprima sulla versione cinematografica della tragedia Coriolanus, risceneggiata da Ralph Fiennes

Share

A Londra è nei cinema da gennaio; e arriverà prima o poi anche qui Coriolanus, l’ultimissima versione cinematografica della tragedia di Shakespeare. Ne è regista,  co-sceneggiatore con John Logan, e protagonista l’attore Ralph Fiennes, che è probabilmente l’attuale re delle scene di lingua inglese e che intrattiene con il cinema un rapporto alterno.

Ora interpretazioni che avrebbero meritato ben maggiore risonanza (Cime tempestose, Spider, La contessa bianca, Il giardiniere costante), ora trionfi internazionali (Schindler’s List, Il paziente inglese, tra il 2005 e oggi ben tre Harry Potter), ora pellicole francamente mediocri – anche se Strange Days non merita la definizione che ne ha dato Nanni Moretti. La novità di questo Coriolanus è che si svolge al giorno d’oggi, in un paese come potrebbe essere l’Irak o l’Afghanistan o il Kossovo (è stato girato in Serbia e serbi sono quasi tutti gli interpreti secondari e le comparse). Vediamo quindi manifestazioni di piazza con cartelli inalberati, carri armati ed elicotteri, bombardamenti violentissimi e fragorosi, notiziari TV con anchormen affannati e commentatori politici dietrologi. Menenio, l’ottimo Brian Cox, ricorda da vicino svariati senatori di destra italiani e internazionali.

Qualche necessario taglio fa scorrere la vicenda a ritmo serrato. Ma il testo originale è rispettato e le breaking news riferiscono pur sempre di quanto accade a Roma, a Corioli e ai guerrieri Volsci. Così come le scene madri dove si uccide e ci si uccide con il pugnale sono realizzate con pugnali. Fiennes e Vanessa Redgrave, nelle loro uniformi 1999, interpretano Coriolano e sua madre Volumnia come esseri feroci, quasi disumani (le loro splendide voci, naturalmente, qui arriveranno doppiate).

La questione filologica e teatrale è: quanto si guadagna ad attualizzare un testo che parla di politica e di violenza? La risposta sarebbe “il 100%” se un pubblico giovane e numeroso accorresse a questa pellicola; ma pare che non sia così. La meditazione investe allora un numero più ristretto di spettatori: i fruitori del cinema che si definisce “letterario”, gli appassionati di Shakespeare – che qui hanno materia di discussione. Laurence Olivier attualizzava il suo personaggio per un solo momento, ma rivelatore; quando il suo Coriolano era stato  ucciso, il cadavere veniva issato a testa in giù,
chiara allusione alla fine di Mussolini. Il filmato però non esiste, e dunque viene risparmiato a questo ringhiante, torreggiante Fiennes un paragone al quale non avrebbe potuto sottrarsi (c’è un video americano del 1979 con protagonista Morgan Freeman giovanissimo, ma è quasi impossibile reperirlo; e una sintesi televisiva dell’84 diretta da Elijah Moshinsky non esaurisce le possibilità della tragedia).

Questo film colloca in ambito attuale una meditazione sul potere che è, come sempre con Shakespeare, senza tempo; l’intelligenza e l’impegno di chi lo ha realizzato meritano un buon successo.

Nota Bene:

"Paneacqua.eu è uno spazio di informazione libero e aperto, creato per instaurare un confronto diretto sui temi proposti ogni giorno. La redazione di Paneacqua.eu ha scelto di non moderare preventivamente i commenti dei lettori. Tuttavia, nel ribadire che gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori degli stessi e che in nessun caso Paneacqua.eu potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi di diritti di terzi, la redazione tiene a precisare che non sono consentiti, e verranno immediatamente rimossi: messaggi non inerenti all'articolo; messaggi anonimi o con indirizzo e-mail falso; messaggi pubblicitari
; messaggi offensivi o che contengano turpiloquio; messaggi con contenuto razzista o sessista
; messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

. Al fine di limitare al massimo un uso distorto della libertà di commento dal giorno 17/04/2008 sarà obbligatorio inserire oltre al nome e cognome anche una e-mail di riferimento.

 In ogni caso, la redazione di Paneacqua.eu si riserva il diritto di cancellare messaggi e commenti giudicati non idonei in qualsiasi momento e a suo insindacabile giudizio".

I Commenti sono chiusi.

Cosa significa essere uomo

Intervista a Monica Lanfranco, Uomini che (odiano) amano le donne. Virilità, sesso, violenza: la parola ai maschi

Paul Klee. Viaggio in Italia

Alla GNAM di Roma l’opera del maestro svizzero, che determinò l’Avanguardia del Novecento

Il Panico

Al Piccolo di Milano la bella regia di Ronconi del testo di Spregelburd

Il mondo del jazz nella magia di novecento

Uno spettacolo cult nella sala Fellini di cinecittà

Il canto di corvo degli incurabili

All’Elfo Puccini di Milano il monologo “Corsia degli incurabili” con Federica Fracassi, regia di Valter Malosti

“La nave fantasma”

Titanic della coscienza civile italiana

«Rito sonoro che si fa anima»

La lirica di Mariangela Gualtieri,


Libera Mente

La pace possibile

Successi e fallimenti degli accordi internazionali sul disarmo e sul controllo degli armamenti

Acqua bene comune (ABC)

napoli, capitale dell'acqua pubblica. Lettera aperta di Alex Zanotelli


Grillo, l’inconste

Dopo l’ultima prodezza di Grillo, l’apertura a Casa Pound, mi ...

La gloriosa storia

Decisamente il Monti politico ha qualcosa in meno del Monti ...

Cosa significa esser

Lanfranco, nell'introduzione al libro, scrive "tutto comincia con un viaggio ...

Pd, serve una parola

Ogni giorno che passa Monti rafforza il suo impegno diretto ...

MPS e Imu, due cose

Quanto sta emergendo sul Monte dei Paschi di Siena (MPS) ...