Paneacqua

  • RSS
  • Facebook
  • Twitter

Face Nord o lo spettacolo delle relazioni umane

aprile - 29 - 2012

La compagnia “Un loup pour l’homme” chiude la rassegna di circo contemporaneo Apripista

Share

Homo homini lupus, diceva il poeta: l’uomo è il peggior nemico dell’uomo. La compagnia francese fondata da Alexandre Fray e Frédéric Arsenault fa proprio il dixit di Plauto e si battezza Un loup pour l’homme. Che i rapporti interpersonali siano il perno attorno a cui gira il lavoro drammaturgico e fisico della compagnia appare chiaro, meglio: dichiarato. E il circo, quello contemporaneo, fondato sui corpi e sulle idee, ben si presta a esplorare questo terreno. Lo spettacolo che Fray e Arsenault hanno presentato a Roma e con cui si è chiusa la rassegna Apripista, si intitola “Face nord”, espressione che in francese designa la facciata di una montagna da scalare. In scena ci sono quattro uomini e nient’altro: Alexandre Fray e Mika Lafforgue sono massicci, statuari, i due porteur, le fondamenta su cui il quartetto di acrobati innalzerà dei veri e propri edifici umani in continuo movimento, sotto gli occhi di un pubblico attento, attratto. Frédéric Arsenault e Sergi Parés sono invece snelli e flessibili, i voltigeur, ovvero le mura e i tetti di quegli edifici umani. Come tappeto sonoro il passaggio dei corpi sul suolo: passi, cadute, ma anche respiri. E delle musiche del repertorio classico che di tanto in tanto rompono il silenzio accentuando il colore delle azioni, o contrastandolo. Anche le luci di scena sono semplici, ma efficaci rispetto al senso dello spettacolo: quattro fari illuminano gli acrobati da angolature sempre diverse, fuori e dentro metafora gettano luce sui vari lati delle relazioni tra gli uomini. Uomini intesi per una volta proprio come maschi, non come umanità. La carica erotica e omo-erotica dello spettacolo è forte: tanta tenerezza nel contatto, anche nei momenti di sfida, di scontro. Homo homini lupus, eppure in “Face Nord” domina la tenerezza, l’attenzione all’altro. La parte migliore del cameratismo maschile. Anche se ci si scavalca, ci si sfugge. Anche se tutto finisce (spettacolo incluso) con l’abbandono, la solitudine.

Con “Face Nord”, Alexandre Fray, Frédéric Arsenault e il regista Pierre Déaux, cidicono che instaurare delle relazioni, vivere in società, è complicato almeno quanto scalare una montagna. Che se si cerca un vero dialogo con gli altri è necessario essere disposti a superare i propri limiti, i propri pregiudizi. Soprattutto, che nulla che abbia a che fare con gli altri è dato una volta e per sempre. Ce lo dicono in termini circensi, teatrali, non fissando lo spettacolo, ma lasciandolo libero di cambiare a ogni replica: la sequenza delle azioni è sempre la stessa, ma l’improvvisazione all’interno della partitura rende vivo lo spettacolo. E allora una sera uno dei voltigeur riuscirà a fare un salto di più di tre metri dalla schiena di un porteur all’altra, quella dopo, forse, cascherà prima, sarà schiacciato dai suoi limiti. In questo la relazione col pubblico è dinamica: gli attori (sì, Fray, Arsenault, Lafforgue e Parés oltre che grandi acrobati sono attori bravissimi) lo chiamano in causa attraverso sguardi e piccoli ammiccamenti, il pubblico contribuisce alla riuscita o meno di certe acrobazie, stando più o meno attento, più o meno in silenzio. Gli spettatori rappresentano in qualche modo “la società” che condiziona e ci condiziona nel modo di essere con gli altri. Il tutto è possibile grazie a una struttura drammaturgica forte (di Bauke Lievens) e al contempo elastica.

La coscienza dei propri limiti, la persistenza a tentare di superarli e la volontà di mostrare al pubblico la propria la fragilità, a ben vedere, sono in controtendenza rispetto al circo classico, che cerca solo di sorprendere e ammaliare lo spettatore e non accondiscende a svelare il trucco, il circo per cui il fallimento di un numero è il fallimento dello spettacolo. “Face Nord” fa invece del fallimento una tappa drammaturgica, tappa della scalata di questa montagna dissestata che è lo spettacolo, le relazioni interpersonali. Del resto proprio nella negazione della volontà di potenza e della rappresentazione come macchina per gli inganni risiede la cifra stilistica che Gigi Cristoforetti imprime alle sue direzioni artistiche. Non ci resta che sperare che l’anno prossimo Apripista ci sia ancora, e di più.

Nota Bene:

"Paneacqua.eu è uno spazio di informazione libero e aperto, creato per instaurare un confronto diretto sui temi proposti ogni giorno. La redazione di Paneacqua.eu ha scelto di non moderare preventivamente i commenti dei lettori. Tuttavia, nel ribadire che gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori degli stessi e che in nessun caso Paneacqua.eu potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi di diritti di terzi, la redazione tiene a precisare che non sono consentiti, e verranno immediatamente rimossi: messaggi non inerenti all'articolo; messaggi anonimi o con indirizzo e-mail falso; messaggi pubblicitari
; messaggi offensivi o che contengano turpiloquio; messaggi con contenuto razzista o sessista
; messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

. Al fine di limitare al massimo un uso distorto della libertà di commento dal giorno 17/04/2008 sarà obbligatorio inserire oltre al nome e cognome anche una e-mail di riferimento.

 In ogni caso, la redazione di Paneacqua.eu si riserva il diritto di cancellare messaggi e commenti giudicati non idonei in qualsiasi momento e a suo insindacabile giudizio".

Un Commento finora

  1. [...] Face Nord o lo spettacolo delle relazioni umane di Bruna Monaco (Paneacqua) [...]

Cosa significa essere uomo

Intervista a Monica Lanfranco, Uomini che (odiano) amano le donne. Virilità, sesso, violenza: la parola ai maschi

Paul Klee. Viaggio in Italia

Alla GNAM di Roma l’opera del maestro svizzero, che determinò l’Avanguardia del Novecento

Il Panico

Al Piccolo di Milano la bella regia di Ronconi del testo di Spregelburd

Il mondo del jazz nella magia di novecento

Uno spettacolo cult nella sala Fellini di cinecittà

Il canto di corvo degli incurabili

All’Elfo Puccini di Milano il monologo “Corsia degli incurabili” con Federica Fracassi, regia di Valter Malosti

“La nave fantasma”

Titanic della coscienza civile italiana

«Rito sonoro che si fa anima»

La lirica di Mariangela Gualtieri,


Libera Mente

La pace possibile

Successi e fallimenti degli accordi internazionali sul disarmo e sul controllo degli armamenti

Acqua bene comune (ABC)

napoli, capitale dell'acqua pubblica. Lettera aperta di Alex Zanotelli


Grillo, l’inconste

Dopo l’ultima prodezza di Grillo, l’apertura a Casa Pound, mi ...

La gloriosa storia

Decisamente il Monti politico ha qualcosa in meno del Monti ...

Cosa significa esser

Lanfranco, nell'introduzione al libro, scrive "tutto comincia con un viaggio ...

Pd, serve una parola

Ogni giorno che passa Monti rafforza il suo impegno diretto ...

MPS e Imu, due cose

Quanto sta emergendo sul Monte dei Paschi di Siena (MPS) ...