Paneacqua

  • RSS
  • Facebook
  • Twitter

Monti convoca “ABC”: vertice d’emergenza

giugno - 12 - 2012

Un vertice d’urgenza dopo due giornate di altalena dei mercati e di considerazioni da parte di membri Ue non confortanti per la situazione italiana. In questo contesto il premier Mario Monti ha convocato a Palazzo Chigi i tre leader di maggioranza e li ha richiamati ad una “necessaria coesione” in vista di nuovi provvedimenti “lacrime e sangue”

Share

Lo spread che risale, i tassi di interesse oltre il livello di guardia, l’Europa che non risponde con la velocità necessaria. E la preoccupazione di Mario Monti per una situazione “difficilissima”, per usare le parole di Vittorio Grilli, si concretizza in una convocazione a sorpresa dei segretari della maggioranza. Un formato, quello dell’incontro a quattro, che era finito nel cassetto dal 17 aprile scorso, quando in un vertice di 6 ore era stato raggiunto un accordo su riforma del mercato del lavoro, crescita, giustizia.
Da quasi due mesi però, stanti le resistenze soprattutto di Angelino Alfano, Monti aveva rinunciato a discutere contemporaneamente con il segretario del Pdl, il leader del Pd Pierluigi Bersani e quello dell’Udc Pier Ferdinando Casini.
Proprio dalla convocazione di ‘ABC’ emerge dunque concretamente la drammaticità della situazione. Peraltro una convocazione immediata, arrivata alle segreterie dopo le 18, e alla quale non si poteva dire di no, nonostante Alfano avesse pubblicamente dichiarato che non avrebbe più preso parte a simili vertici.
Ma la situazione è tale da richiedere il vertice d’urgenza, preceduto da un colloquio con il Capo dello Stato Giorgio Napolitano. Da giorni, osservano dal governo, sui quotidiani finanziari internazionali il mantra è che il prossimo Stato a cadere sotto i colpi della speculazione sarà l’Italia, ormai priva di “Stati cuscinetto” visto che l’attacco è ormai arrivato a Madrid. E visto che anche ministri della Ue, come l’austriaca Fekter, arrivano a dire che l’Italia dovrà ricorre agli aiuti Ue.
Ipotesi negata con forza da Monti, in un’intervista alla radio tedesca Ard: “L’Italia, anche in futuro, non avrà bisogno dell’aiuto del fondo di sostegno della zona euro”. Con il premier che risponde piccato all’ingerenza austriaca: “Dichiarazioni inappropriate”.
Parole che si aggiungono al durissimo attacco di Corrado Passera alla Ue: “C’è da indignarsi per il comportamento dell’Europa che ha aspettato ed è intervenuta solo poco prima del dramma”. Concetto espresso in modo più soft anche dal premier: L’Unione Europea “sta dimostrando la capacità di attrezzarsi per gestire le crisi”, anche se “non sempre con la velocità che vorremmo la caratterizzasse”.
Ma che il quadro sia complicato lo testimoniano le parole del vice di Monti all’Economia: “La situazione permane difficilissima in Europa e, quindi, anche nel nostro Paese”, avverte Grilli.
Tanto che da giorni circola con insistenza la voce della necessità di una manovra ‘mascherata’, attraverso un inasprimento della spending review che potrebbe arrivare ad una decina di miliardi. Ancora nulla di deciso, neanche nella riunione di oggi a palazzo Chigi del comitato interministeriale, ma nelle stanze del governo l’ipotesi di tagliare servizi ai cittadini si aggiunge all’intenzione di aggredire la spesa per acquisto di beni e servizi.Dalla interministeriale di oggi è già emerso che ci sarà una sforbiciata per l’acquisto di beni e servizi per 5 miliardi nel 2012 e tra gli 8 e i 9 nel 2013, accompagnati da un “anticipo” di finanziaria con tagli alle voci di bilancio che non sono di competenza del supercommissario Enrico Bondi. Misure per far fronte all’emergenza terremoto, evitare l’aumento dell’Iva ma anche rassicurare ulteriormente i mercati sui conti italiani.
Una situazione che richiede dunque, spiega un fonte del governo, la massima coesione nella ‘strana maggioranza’ che sostiene il governo. Il contrario delle polemiche attuali su Rai, giustizia, esodati. Un clima che potrebbe concretizzarsi in un atto parlamentare a sostegno della linea del governo in Europa, in vista del decisivo Consiglio Ue del 28 giugno. Tutti temi discussi nel vertice di palazzo Chigi.
Perché la linea di Monti non cambia: la soluzione passa per l’Europa, sia in termini di stabilità finanziaria che in termini di rilancio della crescita. Per questo oggi ha assicurato che “continueremo a lavorare per garantire la stabilità dell’Eurozona con tutti gli strumenti a disposizione”. Spiegando però che insieme alla disciplina di bilancio “occorre anche che rafforzi il suo impegno per le politiche della crescita, che non deve essere a scapito della disciplina del bilancio pubblico. E d’altra parte – ha sottolineato Monti – la disciplina non può essere sostenuta nel lungo periodo se non è accompagnata da una crescita adeguata”. E quindi “abbiamo convenuto di rafforzare la governance economica europea in modo che sappia generare strumenti per la crescita non antitetici ma coerenti con la disciplina di bilancio”.

Nota Bene:

"Paneacqua.eu è uno spazio di informazione libero e aperto, creato per instaurare un confronto diretto sui temi proposti ogni giorno. La redazione di Paneacqua.eu ha scelto di non moderare preventivamente i commenti dei lettori. Tuttavia, nel ribadire che gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori degli stessi e che in nessun caso Paneacqua.eu potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi di diritti di terzi, la redazione tiene a precisare che non sono consentiti, e verranno immediatamente rimossi: messaggi non inerenti all'articolo; messaggi anonimi o con indirizzo e-mail falso; messaggi pubblicitari
; messaggi offensivi o che contengano turpiloquio; messaggi con contenuto razzista o sessista
; messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

. Al fine di limitare al massimo un uso distorto della libertà di commento dal giorno 17/04/2008 sarà obbligatorio inserire oltre al nome e cognome anche una e-mail di riferimento.

 In ogni caso, la redazione di Paneacqua.eu si riserva il diritto di cancellare messaggi e commenti giudicati non idonei in qualsiasi momento e a suo insindacabile giudizio".

I Commenti sono chiusi.

Cosa significa essere uomo

Intervista a Monica Lanfranco, Uomini che (odiano) amano le donne. Virilità, sesso, violenza: la parola ai maschi

Paul Klee. Viaggio in Italia

Alla GNAM di Roma l’opera del maestro svizzero, che determinò l’Avanguardia del Novecento

Il Panico

Al Piccolo di Milano la bella regia di Ronconi del testo di Spregelburd

Il mondo del jazz nella magia di novecento

Uno spettacolo cult nella sala Fellini di cinecittà

Il canto di corvo degli incurabili

All’Elfo Puccini di Milano il monologo “Corsia degli incurabili” con Federica Fracassi, regia di Valter Malosti

“La nave fantasma”

Titanic della coscienza civile italiana

«Rito sonoro che si fa anima»

La lirica di Mariangela Gualtieri,


Libera Mente

La pace possibile

Successi e fallimenti degli accordi internazionali sul disarmo e sul controllo degli armamenti

Acqua bene comune (ABC)

napoli, capitale dell'acqua pubblica. Lettera aperta di Alex Zanotelli


Grillo, l’inconste

Dopo l’ultima prodezza di Grillo, l’apertura a Casa Pound, mi ...

La gloriosa storia

Decisamente il Monti politico ha qualcosa in meno del Monti ...

Cosa significa esser

Lanfranco, nell'introduzione al libro, scrive "tutto comincia con un viaggio ...

Pd, serve una parola

Ogni giorno che passa Monti rafforza il suo impegno diretto ...

MPS e Imu, due cose

Quanto sta emergendo sul Monte dei Paschi di Siena (MPS) ...